Privacy Policy

Storia

La località “Gaggio” fa parte del comune di Galliate Lombardo.

Come altre zone omonime sparse per la penisola, deve il suo nome ai Longobardi, che dal VI secolo abitarono queste zone: il “Gaggio” (dal germanico gahagi/gahadium) era un bosco recintato riservato agli arimanni, i militari che ricevevano in proprietà appezzamenti boschivi come ricompensa per le vittorie sul campo.

La zona del lago di Varese, prima della rivoluzione industriale degli anni 60, era terra di pescatori e di agricoltori.

La Fattoria Gaggio era fin dalle sue origini residenza e sostentamento di una famiglia di contadini.

Grazie alla formula “agriturismo” che ne permette la sopravvivenza, la Fattoria Gaggio è rimasta la stessa, con animali, ortaggi, frutta; insomma, tutta la produzione della terra in una zona stupenda delle Prealpi Lombarde.

La località “Gaggio” fa parte del comune di Galliate Lombardo.

Come altre zone omonime sparse per la penisola, deve il suo nome ai Longobardi, che dal VI secolo abitarono queste zone: il “Gaggio” (dal germanico gahagi/gahadium) era un bosco recintato riservato agli arimanni, i militari che ricevevano in proprietà appezzamenti boschivi come ricompensa per le vittorie sul campo.

La zona del lago di Varese, prima della rivoluzione industriale degli anni 60, era terra di pescatori e di agricoltori.

La Fattoria Gaggio era fin dalle sue origini residenza e sostentamento di una famiglia di contadini.

Grazie alla formula “agriturismo” che ne permette la sopravvivenza, la Fattoria Gaggio è rimasta la stessa, con animali, ortaggi, frutta; insomma, tutta la produzione della terra in una zona stupenda delle Prealpi Lombarde.

L’unione tra l’attività tradizionale della Fattoria e la voglia dei visitatori di passare una giornata in un angolo di paradiso generano un’opportunità unica: quella di vivere, almeno per un po’, lontano dalla frenesia quotidiana e godere delle belle attrattive turistiche naturali e culturali.